Tonon-Ferrari & Partners

news

26 February 2018
26 February 2018

Sulla natura residuale della reintegra in ipotesi di licenziamento per motivi economici

La sentenza 331 del 10 gennaio 2018 della Corte di Cassazione ha ribadito un principio già espresso dalla stessa Corte secondo cui poichè il giudice "può" attribuire la cd. tutela reintegratoria attenuata, tra tutte le "ipotesi in cui accerta che non ricorrono gli estremi" del giustificato motivo oggettivo, esclusivamente nel caso in cui il "fatto posto a base del licenziamento" non solo non sussista, ma anche a condizione che detta "insussistenza" sia "manifesta", non pare dubitabile che l'intenzione del legislatore sia quella di riservare il ripristino del rapporto di lavoro ad ipotesi residuali che fungono da eccezione alla regola della tutela indennitaria in materia di licenziamento individuale per motivi economici. In questo modo è stata riaffermata la natura residuale della tutela reintegratoria, prevista dalla L. n. 300 del 1970, art. 18, novellato, già affermata dalla Corte (v. Cass. n. 14021 del 2016).
Torna a tutte le news