Tonon-Ferrari & Partners

news

28 February 2018
28 February 2018

Sul licenziamento del dipendente per traffico telefonico personale e non autorizzato

È legittimo il licenziamento per giustificato motivo soggettivo del dipendente che utilizzi le linee telefoniche aziendali per traffico telefonico non attinente alle esigenze di servizio, non consentito e non autorizzato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3315 del 12.02.2018, confermando il giudizio della Corte d’Appello, che aveva disposto la conversione del licenziamento per giusta causa in licenziamento per giustificato motivo soggettivo. In particolare, i Giudici di legittimità hanno condiviso la motivazione dei Giudici di merito, secondo i quali lo stato di salute del dipendente, ancorché affetto da depressione, non legittima l’indebito uso di mezzi aziendali come il telefono per fini propri e con grave danno economico del datore di lavoro, posto che a fronte di una situazione di particolare fragilità psichica, il lavoratore potrebbe ricorrere alle cure del caso.
Torna a tutte le news